Le mie specializzazioni

Mal di schiena, riabilitazione mandibolare e sport da combattimento

Mal di schiena

Con il termine “mal di schiena” si intende un dolore nella parte bassa della schiena, zona lombare, con possibile irradiazione agli arti inferiori. Rientra tra i disordini muscolo-scheletrici più debilitanti e più complessi da curare ed è tra le principali cause d’assenza dal lavoro. Solo in rari casi si tratta di patologie gravi come ad esempio una frattura vertebrale che può richiedere un trattamento invasivo come un intervento chirurgico. Nella maggior parte dei casi, invece, viene definito “aspecifico” poiché non è specificata una causa vera e propria scatenante il dolore e spesso non la si può nemmeno identificare attraverso esami diagnostici come una radiografia. Artrosi, disidratazione dei dischi intervertebrali, protrusioni ed ernie discali sono situazioni comunemente descritte negli esami diagnostici, ma non per questo sono obbligatoriamente la causa del dolore.

Sono, infatti, tutte situazioni che fanno parte di processi fisiologici di invecchiamento, presenti anche e soprattutto in persone che non presentano dolore lombare. Pertanto attraverso le più recenti evidenze scientifiche sono state redatte delle linee guida internazionali sul trattamento di questa problematica. Ad oggi si parla infatti di un nuovo approccio, denominato bio-psico-sociale che considera la persona nel suo insieme. Ormai è chiaro che l’origine di questo problema va indagato attraverso un insieme di fattori che riguardano lo stile di vita della persona, il modo di muoversi, le abitudine quotidiane e il modo di pensare, in correlazione ad aspetti anche psicologici.

Ma come si cura il mal di schiena?

Le linee guida internazionali promuovono l’esercizio attivo, in associazione a trattamenti manuali. In seguito ad un’attenta valutazione, sarà il fisioterapista ad impostare il trattamento mirato per il mal di schiena attraverso degli esercizi specifici finalizzati al recupero dei movimenti corretti e delle zone sensibilizzate dal dolore. La terapia manuale costituisce una parte fondamentale del trattamento per migliorare la percezione del dolore e favorire il recupero, attraverso manipolazioni mirate alle zone in disfunzione.

Scopri come funziona il trattamento

Fisioterapia Cranio-Cervico-Mandibolare

Soffri di mal di testa? Il tuo mal di testa è associato a dolori al collo? Senti strani rumori durante l’apertura o la chiusura della bocca? La fisioterapia potrebbe essere la soluzione al tuo problema.

Esiste una importante correlazione tra il cranio, il tratto cervicale e la mandibola, una disfunzione in una di queste zone può creare una sintomatologia diffusa anche nelle altre. In letteratura scientifica viene definito Disordine Temporo Mandibolare (DTM), termine generico che racchiude un insieme di sintomi, in particolare mal di testa nella zona delle tempie e rumori nei movimenti della mandibola. Le cause possono essere di origine diversa definendo il problema come multifattoriale. Tra le cause più influenti vanno considerati i problemi di bruxismo e di serramento, i traumi facciali e gli incidenti stradali.

Altri fattori favorenti sono la mal occlusione, le patologie infiammatorie e i problemi ormonali. Anche la psiche gioca un ruolo importante tra le cause di questi disturbi, spesso associati a stress e depressione. Infine la postura, ovvero la relazione tra questi distretti anatomici, deve essere equilibrata al fine di garantire il corretto movimento.

Ma qual è la soluzione ai Disturbi Temporo-Mandibolari?

I più recenti studi scientifici hanno riscontrato che la fisioterapia è la soluzione più efficace a queste problematiche attraverso un’accurata valutazione e un trattamento specifico e mirato. Il fisioterapista riveste un ruolo centrale in questa situazione: attraverso dei criteri diagnostici basati su linee guida internazionali al fine di poter fornire una valutazione precisa che può essere successivamente fornita anche ad altri professionisti (logopedisti, ortodontisti, medici specialisti).

Il trattamento consiste in tecniche manuali specifiche che vanno ad agire sulle articolazioni e sui muscoli di questo sistema, associate ad esercizio terapeutico attivo ed infine counseling ed educazione al paziente al fine di garantire dei risultati duraturi.

Esistono 5 domande per capire subito se è necessaria un’indagine più approfondita del tuo sistema Cranio Cervico Mandibolare:

  1. Hai mai avuto DOLORE alle mascelle, alle tempie, nell’orecchio o davanti all’orecchio dall’altro lato?
  2. Negli ultimi 30 giorni hai mai avuto un MAL DI TESTA che includesse l’area delle tempie?
  3. Negli ultimi 30 giorni hai sentito RUMORI quando hai mosso o usato la mandibola?
  4. Sei mai rimasto BLOCCATO A BOCCA CHIUSA o avuto la sensazione che la bocca non si aprisse del tutto?
  5. Aprendo al massimo la bocca, sei mai rimasto BLOCCATO A BOCCA APERTA o comunque hai mai avuto la sensazione che non si sarebbe richiusa?

Se anche solo una risposta a queste 5 domande è un SI è consigliabile approfondire con una valutazione completa.

Scopri come funziona il trattamento

Sport da combattimento

Negli ultimi anni è aumentato sempre più l’interesse verso gli sport da combattimento, arti marziali antiche che col passare degli anni hanno preso sempre più una connotazione sportiva. Tra tutte la più conosciuta è la Boxe, ma si sono ormai affermate anche le arti marziali orientali come la Muay Thai e il Karate, fino ad arrivare alle MMA, arti marziali miste, che prevedono la conoscenza e l’utilizzo di più stili di combattimento.

Considerate degli sport a tutti gli effetti presentano molteplici vantaggi per il nostro organismo. Prendendo come esempio la Kick Boxing, disciplina alla quale sono affezionato come fisioterapista e atleta, i suoi benefici possono essere considerati alla pari di quelli di un interval-training ad alta intensità. Chi pratica questo sport in modo costante ottiene un forte effetto cardio-vascolare con benefici sulla propria capacità respiratoria e resistenza e, attraverso l’utilizzo di tutto il corpo, migliora la forza e la resistenza muscolare oltre che la propria flessibilità. Favorisce un importante consumo energetico e soprattutto è indicata a tutte le età!

Infatti per i bambini aiuta a sviluppare una maggiore autostima e sicurezza, per adulti e ragazzi è un ottimo modo per socializzare, imparare la disciplina e il rispetto verso i compagni e gli avversari. Inoltre è sempre più diffusa anche in progetti riabilitativi e di prevenzione per patologie neurologiche. Svolge anche un ruolo importante contro patologie muscolo scheletriche riducendo il rischio di incorrere in problemi come il mal di schiena e non sono da sottovalutare i benefici a livello psicologico contro ansia e stress.

Come tutti gli sport va però affrontato seriamente attraverso la guida di un istruttore qualificato e coinvolgendo un fisioterapista specializzato. L’infortunio accade per un insieme di fattori riguardanti lo stato fisico dell’atleta o errori durante l’allenamento, ovvero non dare il tempo giusto al corpo di adattarsi facendo troppo e troppo presto.

Negli sport da combattimento gli infortuni più comuni riguardano i traumi alle articolazioni della mano, del polso, della caviglia e della spalla.

Da non sottovalutare anche i traumi alla mandibola che possono determinare conseguenti problematiche inerenti la cervicale e la testa. In generale è importante porre attenzione alla prevenzione di questi infortuni in modo da evitarli attraverso accorgimenti suggeriti dal fisioterapista.

Ogni atleta ha caratteristiche e trascorsi personali diversi che vanno valutati con cura in ogni caso specifico da un fisioterapista che conosca lo sport in modo approfondito. Una buona valutazione è fondamentale per poter impostare il giusto trattamento per ogni atleta. La correzione del gesto, il miglioramento specifico della forza e dell’elasticità di determinati muscoli associati ad un trattamento manuale mirato possono essere la chiave per essere sempre in piena forma.

Un fisioterapista di riferimento dovrebbe essere la prima cosa da considerare quando ci si avvicina ad uno sport da combattimento.

Scopri come funziona il trattamento
L'obiettivo dell'osteopatia è quello di ristabilire l'armonia del nostro organismo al fine di raggiungere il proprio equilibrio e benessere.
Sede di Borgosesia
Via Borgofranco 21
13011 Vercelli
Sede di Genova
Via Antonio Cecchi 4/13/A
16129 Genova
P.IVA: 02552280022
CF: GLLLRT90H30B041M
Privacy Policy
Cookie Policy
Questo sito web è stato realizzato dall'Agenzia Web Klorofilla.
homechevron-rightfacebook-squarelinkedin-squarephoneheart-pulse